Corrispondenza delle parole chiave in Google Ads

0
155

Quando si va a creare una campagna nella rete ricerca in Google Ads, bisogna definire le keywords per le quali vorresti che il tuo annuncio venga visualizzato.

Che cosa significa? In modo molto semplice, se vendi magliette del brand X, dovrai andare a dire a Google Ads di far visualizzare il tuo annuncio agli utenti che stanno cercando qualcosa di relativo a Brand X.

Tutto questo lo si fa andando a definire delle parole chiave a livello di campagna o gruppo di annunci. Quindi se inserisci come keyword ‘maglia Brand X’ (che metto apposta fra apici e non fra virgolette, intendi quello che leggi all’interno del simbolo ‘), il tuo annuncio entrerà in asta e potrebbe essere visualizzato agli utenti che digitano questa query.

Ma non è proprio così, infatti, in questo caso conoscere le varie tipologie di corrispondenze, può aiutarti a risparmiare budget ed evitare click inutili per keyword che non ti interessano.

Infatti ritornando a ‘Maglia Brand X’, in realtà per Google Ads, questa sarebbe una corrispondenza generica e potrebbe far visualizzare il tuo annuncio anche per query che il sistema ritiene sinonimi, quindi ad esempio: Camicia Brand X, Pantalone Brand X…ma magari te hai solo maglie!

Per ovviare a questo si usano le corrispondenze, che possono essere:

  • Corrispondenza generica
  • Corrispondenza generica modificata
  • Corrispondenza a frase
  • Corrispondenza esatta
  • Corrispondenza inversa: ti consiglio di usarle molto per ottimizzare al meglio l’account.

Ogni tipologia di corrispondenza ha una sua sintassi dedicata su Google Ads, ma adesso te ne parlerò in modo più dettagliato.

Corrispondenza generica

Questo è il caso, più semplice. La si indica non usando sintassi quando di definiscono le keywords da utilizzare. Quindi se voglio indicare ‘Maglia Blu’, scriverò proprio ‘Maglia Blu’, (senza l’apostrofo). Facendo così, però, vado a dire al sistema di cercare di far visualizzare l’annuncio anche per query che contengono sinonimi o varianti pertinenti. Sono anche concessi gli errori di ortografia 🙂

Esempio anche se scrivo ‘Maglia Blu’, l’annuncio potrebbe essere visualizzato anche per ‘tshirt blu’, ‘dove comprare una maglietta blu’, ‘canottiera bluette’ etc.

Come ovviare a ciò? Usando le altre corrispondenze.

Corrispondenza generica modificata

Per attivarla si inserisce il simbolo ‘+’ davanti alla parola chiave (o parole) che vuoi che ci siano nella query ricercata. Anche in questo caso sono concessi errori di ortografia o plurali e singolari. Quindi se vendo maglie da uomo e uso come keyword ‘+maglie +da +uomo’, il sistema cercherà di far visualizzare il tuo annuncio per query che contengono sia la parola ‘maglia’ che ‘da’ che ‘uomo’ anche in altro ordine. L’annuncio potrebbe essere visualizzato anche per query come ‘pantaloni e maglie da uomo’ o ‘maglie estive da uomo’.

Il modificatore ‘+’ rende la condizione più restrittiva. Ma se volessimo esserlo di più?

Corrispondenza a frase

Per attivarla inseriamo le keywords dentro delle virgolette (“). In pratica, diciamo a Google Ads che tutta la frase (o una variante simile) deve essere contenuta dentro la query digitata dall’utente ed al massimo possono esserci parole prima o dopo. Quindi scrivendo “Cappello rosso” l’annuncio potrebbe essere visualizzato anche per ‘cappello rosso da donna’ o ‘come lavare un cappello rosso’.

Corrispondenza esatta

Si attiva inserendo la parola chiave all’interno di parentesi quadre. Diciamo a Google Ads che il nostro annuncio può essere visualizzato solo per query uguali a quelle definite o varianti simili. A differenza di prima, se inseriamo [cappello rosso], l’annuncio verrà visualizzato solo per query del tipo ‘cappello rosso’ o ‘cappelli rossi’.

Corrispondenza inversa

Ecco, l’uso di questa tipologia di corrispondenza è molto importante, non solo per la rete ricerca ma anche per le altre tipologie di Ads.

Se si utilizza volendo definire le keyword, si può fare andando ad inserire il simbolo ‘-‘ davanti alla parola chiave. Esempio -[donna], farà in modo di non entrare in competizione per quey che contengono la parola ‘donna’.

Personalmente, inizio la campagna con delle corrispondenze inverse generiche che sono sicuro siano importanti. Ad esempio se vendo abbigliamento da adulto, posso a monte escludere il bambino. Successivamente, andando all’interno del tab :’parole chiave – Termini di ricerca’ si possono andare ad escludere le query per cui gli annunci sono stati attivati e per cui non vogliamo più che vengano visualizzati andando ad inserire questi termini come corrispondenze inverse.

Le corrispondenze inverse, sono anche definibili a livello di account. Utile per avere una lista keyword escluse unica.

Ne vuoi sapere di più? Ecco la Guida Ufficiale di Google in merito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui